Sento un lento, lentissimo miglioramento. I movimenti che stimolano la reazione dolorosa diminuisscono. L’intensità del dolore pure. Tutte le sere, dopo il consueto strtching rollata col foam roller sulla schiena (dorsare e lombare), pratico un bel automassaggio con due palline da tennis. Da sdraiato le metto sotto la schiena , lungo la colonna vertebrale, una a destra e una a sinistra. Mi permettono di scovare punti contratti. Li sciolgo (o tento di farlo) muovendole lentamente. Il peso del corpo fa il resto. Mi fa sentire bene, più sciolto. Mi massaggio anche il gluteo, premendo con un po’ più forza.

Oggi, oltre alle solite due sessione di stretching (mattino e pausa pranzo) ho fatto anche un po’ di corsetta lentissima (non ditelo al mio fisioterapista!) e qualche esercizi con balzelli.

Non vedo l’ora di tornare a correre, lunedì.

Ti potrebbe interessare anche ...

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.